Blog

Pubblicato il

25 anni fa, per la prima volta, AIRC distribuiva, in poche piazze milanesi, L’Azalea della Ricerca, con lo scopo di raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro. Già allora questa iniziativa, che cade in occasione della Festa della mamma, aveva assunto una caratteristica tipicamente femminile.

Oggi le Azalee costituiscono un appuntamento importante in tutte le piazze d’Italia e contribuiscono a finanziare con quasi dieci milioni di euro (dati edizione 2009) la ricerca oncologica.

In questi anni AIRC è cresciuta, ma sono cresciute anche le donne italiane che oggi sono più consapevoli del proprio corpo, delle sue necessità e della cura che bisogna averne. Basti pensare che 25 anni fa il cancro del collo dell’utero (un tumore oggi prevenibile nella quasi totalità dei casi con il Pap-test e con il vaccino anti HPV) colpiva 15 donne ogni 100.000, oggi dieci (e il dato potrebbe scendere ancora se si diffondesse di più la pratica dello screening).

Per non parlare del cancro del seno: se i dati lo segnalano in lieve aumento, indicano anche la sempre maggior diffusione della diagnosi precoce e la crescita del numero di guarigioni, grazie alla maggiore consapevolezza delle donne e all’utilizzo di strumenti come la mammografi a e la visita senologica.

AIRC è stata protagonista di questa presa di coscienza, grazie alle sue campagne informative che hanno sdoganato il tema cancro e hanno diffuso l’idea che si tratta di una malattia che spesso si può curare e ancor più spesso prevenire.  Oggi le riviste femminili non hanno più paura di parlare di questi temi, che toccano tutte le donne, e AIRC è fiera di aver contribuito a questo progresso della comunicazione.

La ricerca non si è fermata: mentre le piantine di azalea crescevano, la rivoluzione della genomica ha cambiato la faccia dell’oncologia. Oggi sappiamo che sono i geni i responsabili della trasformazione tumorale della cellula e gli scienziati sono impegnati a identifi care quelli responsabili dei diversi tumori, con lo scopo di creare nuovi farmaci centrati sul bersaglio.

CONDIVIDI con i tuoi amici