Airc L’Azalea
della
Ricerca®
L'Azalea della Ricerca
Azalea della Ricerca 2020

Festeggia la mamma
con l’Azalea della Ricerca®

Quest’anno è disponibile su

Amazon per Airc

Ordinala Subito!

Stili di Vita

IL FUMO, UN KILLER SENZA PIETÀ

Un serial killer che può uccidere a ogni boccata: circa 43.000 persone in Italia muoiono ogni anno per tumori riconducibili al fumo. Sono ben 17 i tipi di neoplasie che possono essere causate da questa abitudine, tra cui quelle del polmone, del seno, dell’ovaio e della cervice uterina. Si stima che, dei circa 370.000 tumori diagnosticati in Italia ogni anno, 100.000 siano associati alle sigarette. Smettere dovrebbe essere un obiettivo prioritario per tutti, ma in particolare per le donne, soprattutto alla luce dell’aumento dei casi di carcinoma polmonare. Da sole non sempre è facile, ma potete rivolgervi ai centri antifumo: trovate elenco e informazioni sul sito dell’Istituto superiore di sanità.

3 SU 10

Lo sapevate che ben 3 tumori su 10 sono causati da un’alimentazione non equilibrata? La sfida al cancro, quindi, dipende anche da noi, dalle scelte fatte al supermercato, in cucina e a tavola. Il problema è che quando un cibo gratifica il palato evitiamo di pensare a quanto possa farci male. E invece dovremmo tenerlo a mente e rispettare le indicazioni di una dieta bilanciata: limitare il consumo di alcol, carni rosse e lavorate, bevande zuccherate, cibi confezionati ricchi in grassi, amidi e zuccheri, e preferire cereali integrali, legumi, frutta e verdura. Da che parte cominciare? Per esempio da un diario alimentare dove annotare tutto ciò che si mangia: renderà più facile capire dove “sgarriamo” e intervenire modificando la dieta con scelte più salutari.

OBESITÀ E SEDENTARIETÀ FAVORISCONO IL CANCRO

Subito dopo il fumo, l’obesità è considerata il principale fattore di rischio per il cancro. Essere obese significa avere il 9 per cento di probabilità in più di sviluppare un tumore, tra cui quelli di colonretto, seno (dopo la menopausa), ovaio, cervice uterina ed endometrio. Anche la sedentarietà è legata a doppio filo con il cancro e si stima causi una percentuale tra il 9 e il 19 per cento di tutte le neoplasie. L’esercizio fisico regolare riduce invece in media del 7 per cento il rischio di sviluppare un tumore. Quanto esercizio dobbiamo fare? Le linee guida dell’American Cancer Society indicano 300 minuti di attività moderata alla settimana: il modo più semplice per raggiungere l’obiettivo è camminare di buon passo per tre quarti d’ora al giorno, 7 giorni su 7.

L’INFORMAZIONE È IL PRIMO PASSO
PER COMBATTERE IL CANCRO

Resta aggiornato sulle nostre iniziative
e sulle novità della migliore ricerca scientifica in Italia.

Iscriviti alla Newsletter